Project Description

Nell’anteprima di Roma presentata la 28ª edizione meranese dedicata ai 500 anni di Leonardo Da Vinci. Di Anna Onori, Henos Palmisano

Si è svolta a Roma dal 14 al 15 settembre l’anteprima del Merano Wine Festival nel prestigioso Acquario Romano: appetitoso e raffinato invito per il Merano Wine Festival, che si terrà dal 7 al 12 novembre nella omonima cittadina

L’Acquario Romano fu inaugurato il 29 maggio del 1887 ed era stato destinato ad acquario ed a piscicoltura, nonché a luogo di ritrovo per l’emergente borghesia del giovane Regno d’Italia.

Le fotoincisioni dell’epoca ci mostrano un prezioso edificio con un giardino all’italiana: un laghetto con varie diramazioni così da creare con ponticelli e scogliere, un ambiente molto suggestivo. L’interno poi addirittura sontuoso, monumentale ed inaspettatamente arioso, decorato sfarzosamente.

L’idea venne a Pietro Garganico di Como esperto di piscicoltura, che presentò il progetto nel 1880. L’edificio fu terminato nel 1885 ed inaugurato a maggio 1887.

Purtroppo, l’Acquario ebbe alterne fortune, però ci fa piacere sottolineare che, a fine ‘800, fu utilizzato anche come spazio espositivo per prodotti alimentari, con il vino in qualità di principale ambasciatore della coltura (ma anche della cultura) italiana.

L’anteprima del MeranoWineFestival, da quattro anni, si è inserita in questa storica funzione di un edificio che ha cambiato utilizzo tante volte, ma che finalmente ha trovato la sua originale finalità: punto di incontro tra persone raffinate, produttori e consumatori, che hanno fatto dei cibi e dei vini italiani un motivo di orgoglio nazionale.

L’infaticabile cacciatore del buongusto italiano, Helmuth Kocher, ha portato a Roma i prodotti di oltre 60 aziende vitivinicole di alta qualità; inoltre abbiamo potuto degustare prodotti di pregio e, confesso più volte, i piatti gourmet degli showcooking.

Un’ultima segnalazione incontrarsi è sempre un’occasione per creare network, nuovi contatti professionali e, soprattutto, nuove opportunità di lavoro.

Lasciata la manifestazione, stiamo già pregustando il comodo viaggio in treno e le giornate che passeremo in una delle più belle città d’Italia.